News

blocco
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

20 Luglio,2024

Prima o poi la verità verrà a galla... ... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

20 Luglio,2024

DIRITTO AL COMPENSO DELLE FERIE MATURATE E NON FRUITE

Anche la giurisprudenza del Consiglio di Stato ha ritenuto che il diritto al compenso sostitutivo delle ferie non godute dal pubblico dipendente, discenda direttamente dallo stesso mancato godimento delle ferie, in armonia con l’art. 36 della Costituzione, quando sia certo che tale vicenda non sia stata determinata dalla volontà del lavoratore e non sia a quest’ultimo comunque imputabile (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 13 marzo 2018, n. 1580; Sez. III, 17 maggio 2018, n. 2956, con riguardo ai casi di cessazione dal servizio non dipendente da causa di servizio; Cons. Stato, Sez. III, 21 marzo 2016, n. 1138, relativamente alla mancata fruizione del congedo per l’aspettativa per infermità; e, da ultimo, Cons. Stato, Sez. II, 30 marzo 2022, n. 2349).

Da quanto esposto, è dato inferire che il divieto di corresponsione di trattamenti economici sostitutivi per le ferie non godute non trova applicazione nei casi in cui il mancato godimento dipenda da cause non imputabili al lavoratore; dovendosi, invece, ritenere operante il divieto, tutte le volte in cui il dipendente abbia avuto la possibilità di richiederle e di fruirne (Cons. Stato. Sez. IV, 12 ottobre 2020, n. 6047).

(TAR 07320/2023)

Per saperne di più:
- manda un messaggio vocale all'avvocato Laura Lieggi
al 349 444 2639
- scrivi una mail a legale@studioavvocatolieqqi.com.
Avv.Laura Lieggi
... See MoreSee Less

11 Luglio,2024

🧑‍⚖️ Con l'ordinanza n. 18114/2024, la Corte di Cassazione indica rigorosamente i limiti di applicazione delle clausole sociali in caso di un cambio d'appalto.

All'impresa che subentra spetta il compito di spiegare i criteri di scelta dei lavoratori che passano alle sue dipendenza con l'appalto.

✍ L'analisi dell'avvocato giuslavorista Giuseppe Bulgarini d'Elci per Il Sole 24 ORE 👉 ln.run/ordinanza-corte-cassazione-18114-2024
... See MoreSee Less

10 Luglio,2024

... See MoreSee Less

10 Luglio,2024

... See MoreSee Less

Comment on Facebook

L' Avvocata Lieggi è una garanzia! Grazie alla sua estrema professionalità e competenza in materia ci ha ridato la serenità! Grazie infinite

10 Luglio,2024

DUE VITTORIE CONSECUTIVE PER LO STESSO “MILITARE TRANSITATO”: un caso complesso ma ugualmente affrontato CON TUTTE LE RISORSE
POSSIBILI.

UN APPARTEENENTE ALLA MARINA MILITARE, A SEGUITO DELL’INTRVENTO LEGALE DELLO STUDIO, riusciva ad ottenere l’annullamento della sede di servizio assegnata dislocata a tantissimi km dalla propria residenza. Il Giudice annullava il provvedimento e dava all’amministrazione un termine di 45 giorni per ristabilire la sede di servizio. Trascorsi 30 gg, l’amministrazione si pronunciava assegnando la stessa sede di servizio data in precedenza. Il Militare cadeva in uno sconforto insostenibile ma, per fortuna, non si arrendeva e seguendo i nostri consigli legali, impugnava nuovamente la decisione. E’ di oggi la sentenza del Giudice del Tar che nuovamente annullava la sede di servizio imposta e dava termine all’amministrazione di formulare una nuova sede che tenesse in consid4erazione i limiti di cui alla circolare del luglio 2024. Ora attendiamo la decisione dell’Amministrazione ….. NON CI ARRENDIAMO
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

💪🏻 Mai arrendersi

03 Luglio,2024

L' INIDONEITA' NON È PIU' UN PROBLEMA!
Opporsi ai giudizi di inidoneità non è sbagliato.

Molto spesso mi capita di assistere appartenenti alle forze dell'ordine o delle forze armate per contrastare giudizi di inidoneità espressi durante l'espletamento della scuola o quando già in servizio. Mi sono accorta che spesso l'amministrazione è troppo severa nel giudicare condizioni psichiche o fisiche che non hanno rilevanza alcuna. Purtroppo questa leggerezza comporta un gravissimo danno per coloro i quali la subiscono in quanto vi è preclusa la possibilità di proseguire nel proprio percorso o di procedere alla partecipazione di altri concorsi.
Questo lo ritengo profondamente ingiusto.
Per molti la carriera militare o nelle forze dell'ordine è un sogno raggiunto con tanto impegno e sacrificio.
Penso che l'amministrazione dovrebbe premiare queste persone ma spesso invece, senza motivi le mortifica.
Per fortuna diversi sono gli errori effettuati da chi deve giudicare e questo mi aiuta a vincere le cause che effettuo.
L'AMMINISTRAZIONE È LA NOSTRA SALVEZZA MA GLI UOMINI CHE LA FORMANO PISSONO SBAGLIARE.

Per qualsiasi informazione lasciare un vocale al 349.444 26 39 oppure scrivere una mail a legale@studioavvocatolieggii.com
. Vi sarà risposto nel più breve tempo possibile avvocato Laura Lieggi
... See MoreSee Less

15 Giugno,2024

TRANSITATI - VINTA CAUSA IL GIUDICE FA CANCELLARE L'INOPPORTUNA SEDE DI SERVIZIO - L' AMMINISTRAZIONE CANCELLA la sede e fissa di nuovo la stessa sede - fatta la causa di nuovo - VI NTA DI NUOVO LA CAUTELARE !!!!!! - COSA FARA' ORA L' AMMINISTRAZIONE? NOI NON MOLLIAMO!!!!!!!!!!!!

Nonostante al tavolo degli accordi con le associazioni sindacali si era stabilito che i tecnici avrebbero avuto una corsia preferenziale nella scelta della sede di servizio, non si è rispettato quanto promesso!!!!!!!. Assegnata una sede troppo lontana rispetto alla sua residenza, abbiamo fatto causa al fine di far annullare quella scellerata decisione. Abbiamo vinto la causa è nel frattempo le organizzazioni sindacali hanno sottoscritto un accordo che prevedeva la possibilità di scelta da parte dei tecnici della nuova sede di servizio. Successivamente alla Vittoria al TAR. l'amministrazione condannata a decidere una sede di servizio nuova entro 45 giorni per il nostro cliente rientrante nel profilo dei tecnici, l'amministrazione cancellava la vecchia sede e effettuava un provvedimento di scelta della nuova sede nella stessa città non voluta dal nostro assistito e in precedenza impugnata. Abbiamo nuovamente impugnato il provvedimento ingiusto e il giudice ci ha dato nuovamente ragione. Noi non molliamo andiamo avanti finché giustizia non sia fatta
... See MoreSee Less

TRANSITATI - VINTA CAUSA IL GIUDICE FA CANCELLARE LINOPPORTUNA SEDE DI SERVIZIO - L AMMINISTRAZIONE  CANCELLA la sede e fissa di nuovo la stessa sede - fatta la causa di nuovo - VI NTA DI NUOVO LA CAUTELARE !!!!!! - COSA FARA ORA L AMMINISTRAZIONE? NOI NON MOLLIAMO!!!!!!!!!!!!   

                                                                                                                          Nonostante al tavolo degli accordi con le associazioni sindacali si era stabilito che i tecnici avrebbero avuto una corsia preferenziale nella scelta della sede di servizio, non si è rispettato quanto promesso!!!!!!!. Assegnata una sede troppo lontana rispetto alla sua residenza, abbiamo fatto causa al fine di far annullare quella scellerata decisione. Abbiamo vinto la causa è nel frattempo le organizzazioni sindacali hanno sottoscritto un accordo che prevedeva la possibilità di scelta da parte dei tecnici della nuova sede di servizio. Successivamente alla Vittoria al TAR. lamministrazione condannata a decidere una sede di servizio nuova entro 45 giorni per il nostro cliente rientrante nel profilo dei tecnici, lamministrazione cancellava la vecchia sede e effettuava un provvedimento di scelta della nuova sede nella stessa città non voluta dal nostro assistito e in precedenza impugnata. Abbiamo nuovamente impugnato il provvedimento ingiusto e il giudice ci ha dato nuovamente ragione. Noi non molliamo andiamo avanti finché giustizia non sia fatta

12 Giugno,2024

🧑‍⚖️ Gli idonei nelle graduatorie pubbliche non hanno un diritto soggettivo all’assunzione per scorrimento, nel caso ci siano posizioni vacanti. Lo ribadisce la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 14919/2024.

I giudici precisano che è nella discrezionalità della Pubblica amministrazione decidere se coprire il posto vacante, con l’unica eccezione nell’ipotesi in cui l’obbligo in tal senso sia contemplato nella contrattazione collettiva o nel bando.

📄 L'ordinanza completa 👉 ln.run/ordinanza-corte-cassazione-14919-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

12 Giugno,2024

⚖ La clausola del contratto di apprendistato con la quale il datore può recuperare le retribuzioni versate durante i giorni di formazione in caso di un recesso anticipato del dipendente è valida.

Lo stabilisce la sentenza del Tribunale di Roma che qualifica la clausola contrattuale come una previsione di "durata minima" o "patto di stabilità" e la cui inosservanza comporta le conseguenze risarcitorie fissate in via convenzionale nel contratto di apprendistato, a carico della parte che recede prima del termine.

✍ L'analisi dell'avvocato giuslavorista Giuseppe Bulgarini d'Elci per Il Sole 24 ORE 👇
ln.run/sentenza-tribunale-roma-apprendista-dimissionario
... See MoreSee Less

12 Giugno,2024

🧑‍⚖️ La presenza di un clima lavorativo che genera stress è un fatto ingiusto e che fa sorgere in capo al dipendente un diritto al risarcimento, anche in mancanza di una condotta mobbizzante. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con la sentenza n. 15957/2024.

🤯 I giudici sottolineano che, quanto alla salvaguardia della salute dei lavoratori, un ambiente stressogeno è configurabile come un fatto ingiusto e meritevole di tutela: una situazione tale è suscettibile di condurre al riesame delle condotte datoriali allegate come vessatorie, sebbene apparentemente lecite o solo episodiche.

📄 La sentenza completa 👉https://ln.run/corte-cassazione-sentenza-15957-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

30 Maggio,2024

🧑‍⚖️ I 5 minuti giornalieri che intercorrono tra la timbratura del cartellino ai tornelli all’ingresso dell’azienda e il completamento della procedura di log on vanno retribuiti “quale tempo effettivo di lavoro”. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 14848/2024.

⏱ Il ragionamento vale per gli altrettanti 5 minuti che decorrono dal completamento della procedura di log off alla timbratura in uscita. Viene infatti richiamato il presupposto che sia da retribuire il tempo per le operazioni anteriori o posteriori alla conclusione della prestazione lavorativa quando risultano “necessarie e obbligatorie”.

📄 L'ordinanza completa 👉 ln.run/ordinanza-corte-cassazione-14848-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

23 Maggio,2024

🇪🇺 La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14089/2024, ribadisce il principio della giurisprudenza comunitaria per cui la retribuzione delle ferie annuali deve coincidere con la retribuzione ordinaria, a tutela del diritto di beneficiare effettivamente del riposo annuale.

🧑‍⚖️ È così accolto il ricorso di un lavoratore che si era visto rigettare dalla Corte d’Appello la richiesta di ottenere dall’azienda la liquidazione di due indennità previste dal contratto e che non erano state corrisposte durante il periodo di ferie.

📄 La sentenza completa 👉 ln.run/sentenza-corte-cassazione-14089-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

14 Maggio,2024

Io mi impegno. MI impegno nello studio, nell'approfondimento e nella ricerca. Mi impegno con gli altri perchè i loro problemi divengano le mie priorità. Lo faccio nel lavoro e nella vita perchè è giusto che sia così. Perchè solo impegnandosi davvero si riesce a raggiungere faticosamente il risultato sperato. E questa volta, e non è la prima volta...il mio risultato è il bene comune.
In questa nuova impresa, però, non sarò sola! Nicola Battista mi affiancherà e sopratutto mi aiuterà, vista la sua decennale esperienza, a creare e lavorare perchè il nostro risultato avvantagi la comunità. Nicola è un uomo dalle grandi competenze, abituato a parlare con tutti e a trovare le soluzioni ai problemi che si pongono. Sono felice perchè siamo un ottima squadra e Lorenzo Leonetti e Giovanna Salemmi, candidati al Comune sono le persone giuste che con la loro professionalità e le qualità morali che li contraddistinguono danno ancor più valore all'impegno. Il voto che ci darete sarà utile a tutti!
... See MoreSee Less

Io mi impegno. MI  impegno nello studio, nellapprofondimento e nella ricerca. Mi impegno con gli altri perchè i loro problemi divengano le mie priorità. Lo faccio nel lavoro e nella vita perchè è giusto che sia così.  Perchè solo impegnandosi davvero si riesce a raggiungere faticosamente il risultato sperato.  E questa volta, e non è la prima volta...il mio risultato è il bene comune. 
In questa nuova impresa, però, non sarò sola! Nicola Battista mi affiancherà e sopratutto mi aiuterà, vista la sua decennale esperienza, a creare e lavorare perchè il nostro risultato avvantagi la comunità. Nicola è un uomo dalle grandi competenze, abituato a parlare con tutti e a trovare le soluzioni ai problemi che si pongono. Sono felice perchè siamo un ottima squadra e Lorenzo Leonetti e Giovanna Salemmi, candidati al Comune sono le persone giuste che con la loro professionalità e le qualità morali che li contraddistinguono danno ancor più valore allimpegno. Il voto che ci darete sarà utile a tutti!Image attachment

14 Maggio,2024

Io mi impegno. MI impegno nello studio, nell'approfondimento e nella ricerca. Mi impegno con gli altri perchè i loro problemi divengano le mie priorità. Lo faccio nel lavoro e nella vita perchè è giusto che sia così. Perchè solo impegnandosi davvero si riesce a raggiungere faticosamente il risultato sperato. E questa volta, e non è la prima volta...il mio risultato è il bene comune.
In questa nuova impresa, però, non sarò sola! Nicola Battista mi affiancherà e sopratutto mi aiuterà, vista la sua decennale esperienza, a creare e lavorare perchè il nostro risultato avvantagi la comunità. Nicola è un uomo dalle grandi competenze, abituato a parlare con tutti e a trovare le soluzioni ai problemi che si pongono. Sono felice perchè siamo un ottima squadra e Lorenzo Leonetti e Giovanna Salemmi, candidati al Comune sono le persone giuste che con la loro professionalità e le qualità morali che li contraddistinguono danno ancor più valore all'impegno. Il voto che ci darete sarà utile a tutti!
... See MoreSee Less

Io mi impegno. MI  impegno nello studio, nellapprofondimento e nella ricerca. Mi impegno con gli altri perchè i loro problemi divengano le mie priorità. Lo faccio nel lavoro e nella vita perchè è giusto che sia così.  Perchè solo impegnandosi davvero si riesce a raggiungere faticosamente il risultato sperato.  E questa volta, e non è la prima volta...il mio risultato è il bene comune. 
In questa nuova impresa, però, non sarò sola! Nicola Battista mi affiancherà e sopratutto mi aiuterà, vista la sua decennale esperienza, a creare e lavorare perchè il nostro risultato avvantagi la comunità. Nicola è un uomo dalle grandi competenze, abituato a parlare con tutti e a trovare le soluzioni ai problemi che si pongono. Sono felice perchè siamo un ottima squadra e Lorenzo Leonetti e Giovanna Salemmi, candidati al Comune sono le persone giuste che con la loro professionalità e le qualità morali che li contraddistinguono danno ancor più valore allimpegno. Il voto che ci darete sarà utile a tutti!Image attachmentImage attachment

08 Maggio,2024

✍ L'avvocato giuslavorista Giuseppe Bulgarini d'Elci approfondisce per Il Sole 24 ORE l'ordinanza n. 10213/2024 della Corte di Cassazione per cui è valido l'accordo collettivo aziendale in cui è previsto un indennizzo risarcitorio inferiore per l'illegittimità del licenziamento, a fronte dell'impegno datoriale a non effettuare recessi riconducibili al giustificato motivo oggettivo per un periodo di 12 mesi 👇
bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-10213-2024
... See MoreSee Less

08 Maggio,2024

Foto dal post di Gens Nova ... See MoreSee Less

Image attachmentImage attachment

08 Maggio,2024

... See MoreSee Less

08 Maggio,2024

... See MoreSee Less

08 Maggio,2024

... See MoreSee Less

08 Maggio,2024

... See MoreSee Less

08 Maggio,2024

... See MoreSee Less

07 Maggio,2024

⚖️ Con l’ordinanza n. 11730/2024, la Corte di Cassazione specifica che il lavoratore, prima dell’età pensionabile, a fronte di una irregolarità contributiva, può esperire un’azione di condanna generica al risarcimento del danno ex art. 2116 c.c. o un’azione di mero accertamento dell’omissione contributiva quale comportamento potenzialmente doloso.

🔎 Come riportato nella pronuncia, “il lavoratore, a tutela del proprio diritto all’integrità della posizione contributiva, ha sempre l’interesse ad agire, sul piano contrattuale, nei confronti del datore di lavoro, per l’accertamento della debenza dei contributi omessi in conseguenza dell’effettivo lavoro svolto, prima ancora della produzione di qualsivoglia danno sul piano della prestazione previdenziale e senza che sia necessario integrare il contraddittorio nei confronti dell’Inps”.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-11730-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

07 Maggio,2024

ORE 6.15 FERMO AL SEMAFORO PRONTO PER INTRAPRENDERE UNA TRASFERTA DI LAVORO!! BUONA GIORNATA E BUON INIZIO SETTIMANA CARI AMICI MIEI! ... See MoreSee Less

01 Maggio,2024

L' INIDONEITA' NON È PIU' UN PROBLEMA!
Opporsi ai giudizi di inidoneità non è sbagliato.

Molto spesso mi capita di assistere appartenenti alle forze dell'ordine o delle forze armate per contrastare giudizi di inidoneità espressi durante l'espletamento della scuola o quando già in servizio. Mi sono accorta che spesso l'amministrazione è troppo severa nel giudicare condizioni psichiche o fisiche che non hanno rilevanza alcuna. Purtroppo questa leggerezza comporta un gravissimo danno per coloro i quali la subiscono in quanto vi è preclusa la possibilità di proseguire nel proprio percorso o di procedere alla partecipazione di altri concorsi.
Questo lo ritengo profondamente ingiusto.
Per molti la carriera militare o nelle forze dell'ordine è un sogno raggiunto con tanto impegno e sacrificio.
Penso che l'amministrazione dovrebbe premiare queste persone ma spesso invece, senza motivi le mortifica.
Per fortuna diversi sono gli errori effettuati da chi deve giudicare e questo mi aiuta a vincere le cause che effettuo.
L'AMMINISTRAZIONE È LA NOSTRA SALVEZZA MA GLI UOMINI CHE LA FORMANO PISSONO SBAGLIARE.

Per qualsiasi informazione lasciare un vocale al 349.444 26 39 oppure scrivere una mail a legale@studioavvocatolieggii.com
. Vi sarà risposto nel più breve tempo possibile avvocato Laura Lieggi
... See MoreSee Less

L INIDONEITA  NON È PIU UN PROBLEMA!
Opporsi ai giudizi di inidoneità non è sbagliato.                                    

Molto spesso mi capita di assistere  appartenenti alle forze dellordine o delle forze armate per contrastare  giudizi di inidoneità espressi durante lespletamento della scuola o quando già in servizio. Mi sono accorta che spesso lamministrazione è troppo severa nel giudicare condizioni psichiche o fisiche che non hanno rilevanza alcuna. Purtroppo questa leggerezza comporta un gravissimo danno per coloro i quali la subiscono in quanto vi è preclusa la possibilità di proseguire nel proprio percorso o di procedere alla partecipazione di altri concorsi.
Questo lo ritengo profondamente ingiusto. 
Per molti la carriera militare o nelle forze dellordine è un sogno raggiunto con tanto impegno e sacrificio.  
Penso che lamministrazione dovrebbe premiare queste persone ma spesso invece, senza motivi  le mortifica. 
Per fortuna diversi sono gli errori effettuati da chi deve giudicare e questo mi aiuta a vincere le cause che effettuo. 
LAMMINISTRAZIONE È LA NOSTRA SALVEZZA MA GLI UOMINI CHE LA FORMANO PISSONO SBAGLIARE.

Per qualsiasi informazione lasciare un vocale al 349.444 26 39 oppure scrivere una mail a legale@studioavvocatolieggii.com 
. Vi sarà risposto nel più breve tempo possibile avvocato Laura Lieggi

30 Aprile,2024

🧑‍⚖️ La prova del pagamento della retribuzione, una volta accertata la sussistenza di un rapporto di lavoro, spetta al datore di lavoro. Lo ribadisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10663/2024.

I giudici riprendono l’orientamento consolidato e affermano che la prova del pagamento è a carico del datore, chiamato a fornire la documentazione idonea dei pagamenti effettivamente eseguiti quando non può avvalersi della normale documentazione liberatoria, rappresentata dalle buste paga firmate dall’accipiente.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-10663-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

29 Aprile,2024

Foto dal post di Avvocato Antonio La Scala ... See MoreSee Less

Image attachment

26 Aprile,2024

ANCORA VITTORIA AL TAR PER I TRANSITATI

BLOCCATO L'OBBLIGO DI SITTOSCRIVERE IL CONTRATTO!

CONDIVIDERE SOLO IN QUESTO MODO SI PUO’ CONTRIBUIRE ALLA VARIAZIONE DI NORME DELETERIE PER I MILITARI! L’INERZIA NON GIOVA A NESSUNO!

IL TAR ha riconosciuto con SENTENZA, non con ordinanza, la non curanza dell’Amministrazione nel motivare i criteri scelti per l'assegnazione della sede di destinazione SENZA CONSIDERARE MINIMAMENTE le istanze presentate dai militari i quali, minuziosamente dettagliavano le proprie necessita'. L’Amministrazione non considerando le necessità dei “transitati” destinava questi ultimi in località molto distanti rispetto a quelle richieste. Il Giudice Amministrativo,in primis BLOCCAVA L' ONERE della sottoscrizione del contratto, primo passo urgente da compiere, e successivamente, stralciate le decisioni pregresse, lette e considerate l’esigenze espresse dai militari, ordinava nell’immediato l'assegnazione ad una nuova sede di servizio.
Studio Legale Lieggi

Per info “inviare un vocale al 3494442639, L’Avvocato Lieggi risponderà ai quesiti posti. Nel caso di necessità di consulenza più corposa inviare richiesta a legale@studioavvocatolieggi.com, verrà fissato un appuntamento on line o in presenza.
... See MoreSee Less

ANCORA VITTORIA AL TAR PER I TRANSITATI

BLOCCATO LOBBLIGO DI SITTOSCRIVERE IL CONTRATTO!

CONDIVIDERE SOLO IN QUESTO MODO SI PUO’ CONTRIBUIRE ALLA VARIAZIONE DI NORME DELETERIE PER I MILITARI! L’INERZIA NON GIOVA A NESSUNO!

IL TAR  ha riconosciuto con SENTENZA, non con ordinanza,  la non curanza dell’Amministrazione nel motivare i criteri scelti per lassegnazione della sede di destinazione SENZA CONSIDERARE MINIMAMENTE le istanze presentate dai militari i quali, minuziosamente dettagliavano le proprie necessita. L’Amministrazione non considerando le necessità dei “transitati” destinava questi ultimi in località molto distanti rispetto a quelle richieste. Il Giudice Amministrativo,in primis BLOCCAVA L ONERE della sottoscrizione del contratto, primo passo urgente da compiere,  e successivamente, stralciate le decisioni pregresse, lette e considerate l’esigenze espresse dai militari, ordinava nell’immediato lassegnazione ad una nuova sede di servizio.
Studio Legale Lieggi

Per info “inviare un vocale al 3494442639, L’Avvocato Lieggi risponderà ai quesiti posti. Nel caso di necessità di consulenza più corposa inviare richiesta a legale@studioavvocatolieggi.com, verrà fissato un appuntamento on line o in presenza.

23 Aprile,2024

🧑‍⚖️ Il verbale che dà atto del fallimento del tentativo di conciliazione può contenere, nelle controversie di lavoro, anche la comunicazione formale del licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

A chiarirlo è la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 10734/2024. Viene richiamato il dettato normativo del terzo periodo del comma 6 dell’articolo 7 della legge n. 604/1966: “Se fallisce il tentativo di conciliazione e, comunque, decorso il termine di cui al comma 3, il datore di lavoro può comunicare il licenziamento al lavoratore”. Secondo la pronuncia, delinea una condizione legale (sospensiva) ed un termine (dilatorio): motivo per cui, una volta che si avvera la prima prima o è scaduto il secondo, il datore di lavoro “può comunicare il licenziamento al lavoratore”.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-10734-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

23 Aprile,2024

Foto dal post di Studio Legale Lieggi ... See MoreSee Less

Image attachment

21 Aprile,2024

👨‍⚖️ Il trasferimento di sede va sorretto da comprovate ragioni aziendali e il rifiuto del lavoratore è meritevole di tutela non caso in cui la condotta datoriale non sia conforme alla buona fede.

✍ L'avvocato giuslavorista Giuseppe Bulgarini d'Elci approfondisce per Il Sole 24 Ore la sentenza con cui il Tribunale di Tivoli giudica così illegittimo il licenziamento disciplinare adottato perché i dipendenti non hanno iniziato la prestazione nella sede di destinazione 👇
bit.ly/sentenza-tribunale-tivoli-519-2024
... See MoreSee Less

19 Aprile,2024

Foto dal post di Studio Legale Lieggi ... See MoreSee Less

Image attachmentImage attachment

16 Aprile,2024

⚖ In caso di licenziamento per inidoneità fisica o psichica, la violazione dell’obbligo per il datore di lavoro di adibire il lavoratore a possibili mansioni alternative, compatibili con lo stato di salute, integra l’ipotesi di difetto di giustificazione ed è suscettibile di reintegrazione.

🧑‍⚖️ Lo afferma la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 9937/2024, sottolineando come sul lavoratore non gravi alcun onere di indicare le posizioni alternative alle quali avrebbe potuto essere adibito. Il datore, al contrario, ha quello di provare la sussistenza della giustificazione del recesso.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-9937-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

15 Aprile,2024

VITTORIA AL TAR - I TRANSITATI NEI RUOLI CIVILI HANNO UNA SPERANZA! ... See MoreSee Less

VITTORIA AL TAR - I TRANSITATI NEI RUOLI CIVILI HANNO UNA SPERANZA!Image attachment

10 Aprile,2024

👨‍⚖️ Il trasferimento di sede va sorretto da comprovate ragioni aziendali e il rifiuto del lavoratore è meritevole di tutela non caso in cui la condotta datoriale non sia conforme alla buona fede.

✍ L'avvocato giuslavorista Giuseppe Bulgarini d'Elci approfondisce per Il Sole 24 Ore la sentenza con cui il Tribunale di Tivoli giudica così illegittimo il licenziamento disciplinare adottato perché i dipendenti non hanno iniziato la prestazione nella sede di destinazione 👇
bit.ly/sentenza-tribunale-tivoli-519-2024
... See MoreSee Less

09 Aprile,2024

⚖ Corte di Cassazione, ordinanza n. 8381/2024: la mancata comunicazione al datore di lavoro del nuovo indirizzo va punita con la multa e non con il licenziamento e quindi va reintegrato e risarcito il dipendente che ha avuto esito negativo alla visita di controllo durante il periodo di malattia.

Viene esclusa nel caso specifico l’assenza ingiustificata: il lavoratore ha comunicato al numero verde dell’Inps l’indirizzo dove sarebbe stato reperibile per la visita. Il medico dell’ente ha però tentato il controllo ad un recapito diverso, senza successo.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-8381-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

09 Aprile,2024

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.
... See MoreSee Less

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.

09 Aprile,2024

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.
... See MoreSee Less

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.

09 Aprile,2024

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.
... See MoreSee Less

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.

09 Aprile,2024

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.
... See MoreSee Less

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.

06 Aprile,2024

TRANSITO NEI RUOLI CIVILI
LE NUOVE SEDI DI SERVIZIO COSA FARE

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.
... See MoreSee Less

TRANSITO NEI RUOLI CIVILI
LE NUOVE SEDI DI SERVIZIO COSA FARE

LA SEDE DI SERVIZIO LONTANA TROPPI KM DA CASA!

Questi giorni, presso il mio studio, ho ricevuto moltissimi militari in procinto di transitare nei ruoli civili. Grande è stato lo sconforto nel rilevare che, nonostante il lavoro svolto in moltissimi anni e le difficoltà derivanti dalla presenza di una patologia, l’esistenza di una famiglia di cui prendersi cura e le non esorbitanti possibilità economiche, l’Amministrazione abbia deciso di destinare queste persone in una sede di servizio così lontana rispetto alla propria casa familiare. Spesso, durante le innumerevoli cause che sostengo per aiutare militari che devono assistere un parente o che vogliono avvicinarsi ad un figlio di età inferiore ai tre anni, devo combattere con la circostanza, messa in evidenza dalla controparte, che il militare al momento della sottoscrizione del contratto, era ben consapevole che la sua vita lavorativa si sarebbe potuta svolgere in diverse città. Appare evidente che questa eccezione processuale, non possa essere sollevata nel caso dei militari transitati nei ruoli civili. Sin dall’insorgere della patologia che ha provocato il transito, e probabilmente dal momento in cui, ottenuto l’inidoneità, veniva fatta richiesta di transito, i militari facevano affidamento su una norma che stabiliva che il transito sarebbe avvenuto in una città della regione dell’ultima sede di servizio. Per quanto concerne l’impugnazione della sede, presso i Tribunali amministrativi, ai militari in procinto di transito che sto assistendo in questi giorni, dico che purtroppo questi sono accadimenti troppo recenti per far affidamento su pronunce che possano darci ragione o torto. Importante, in questo momento è studiare gli aspetti garantisti della norma giuridica, approfondire ciascuna situazione personale e argomentare sul concetto di organizzazione amministrativa. Sono moltissime le cause che ho già instaurato e le prime non mi hanno portato esiti negativi. Il Giudice Amministrativo mi ha accolto la richiesta di sospendere l’obbligo della sottoscrizione del contratto e in questi giorni discuterò sul resto lottando affinchè la circolare ministeriale del 25 luglio venga eliminata o modificata nella maniera più consona nel rispetto dei diritti di chi, per tanti anni ha lavorato con onore e dedizione anche, in taluni casi, dovendo affrontare cause di servizio.
Avv. Laura Lieggi
Per piccoli pareri mandate un messaggio vocale al numero 3494442639 solo dopo aver condiviso l’articolo in quanto potrebbe essere utile a qualcuno.

05 Aprile,2024

✍️ L'avvocato giuslavorista Giampiero Falasca commenta per Il Sole 24 ORE la sentenza con cui il Tribunale di Napoli si esprime sui contratti di prossimità, precisando le condizioni di validità degli accordi in deroga, tra cui il rispetto dell'art. 36 della Costituzione in merito alla retribuzione proporzionata e sufficiente.

Il contratto di prossimità non può inoltre derogare ai trattamenti previsti dal contratto collettivo nazionale se manca un reale collegamento tra la deroga e la riorganizzazione del lavoro e l'effetto erga omnes dell'accordo di prossimità vale solo se siglato da una organizzazione sindacale comparativamente più rappresentativa.

Il commento completo 👉 bit.ly/tribunale-napoli-contratti-prossimità
... See MoreSee Less

03 Aprile,2024

⚖ La reiterazione delle missioni del lavoratore presso la medesima impresa utilizzatrice può integrare un ricorso abusivo alla somministrazione di lavoro se tale reiterazione oltrepassa “il limite di una durata che possa ragionevolmente considerarsi temporanea”.

✍ Lo sottolinea la Corte di Cassazione con la sentenza n. 6898/2024, analizzata dall'avvocato giuslavorista Angelo Zambelli per Il Sole 24 ORE 👇
bit.ly/sentenza-corte-cassazione-6898-2024
... See MoreSee Less

29 Marzo,2024

ULTERIORE ACCOGLIMENTO!!!!!
In data odierna (29 marzo 2024)Giudice accoglie la cautelare che chiedeva la sospensione dell'obbligo di sottoscrizione del contratto di transito che assegnava una sede di servizio in una sede collocata in una regione diversa rispetto a quella in cui si era assegnati da militari...la sospensione vige fino a quando sarà fatta luce sulla scelta della sede di servizio più opportuna vista la circolare del 25 luglio 2024
... See MoreSee Less

ULTERIORE ACCOGLIMENTO!!!!!
In data odierna (29 marzo 2024)Giudice accoglie la cautelare che chiedeva la sospensione dellobbligo di sottoscrizione del contratto di transito che assegnava una sede di servizio in una sede collocata in una regione diversa rispetto a quella in cui si era assegnati da militari...la sospensione vige  fino a quando sarà fatta luce sulla scelta della sede di servizio più opportuna vista la circolare del 25 luglio 2024

29 Marzo,2024

ULTERIORE ACCOGLIMENTO!!!!!
In data odierna (29 marzo 2024)Giudice accoglie la cautelare che chiedeva la sospensione dell'obbligo di sottoscrizione del contratto di transito che assegnava una sede di servizio in una sede collocata in una regione diversa rispetto a quella in cui si era assegnati da militari...la sospensione vige fino a quando sarà fatta luce sulla scelta della sede di servizio più opportuna vista la circolare del 25 luglio 2024
... See MoreSee Less

ULTERIORE ACCOGLIMENTO!!!!!
In data odierna (29 marzo 2024)Giudice accoglie la cautelare che chiedeva la sospensione dellobbligo di sottoscrizione del contratto di transito che assegnava una sede di servizio in una sede collocata in una regione diversa rispetto a quella in cui si era assegnati da militari...la sospensione vige  fino a quando sarà fatta luce sulla scelta della sede di servizio più opportuna vista la circolare del 25 luglio 2024

29 Marzo,2024

IMPORTANTE PROCEDERE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO !!
condividi potrebbe aiutare qualcuno

Il Militare appartenente alla Marina Militare, chiedeva il transito nei ruoli civili a causa della inidoneità riscontrata per motivi psicologici. A causa degli effetti della circolare del 25 luglio 2023, gli veniva assegnata una sede a più di 500 km dall’ultima sede di servizio e dalla casa familiare. Lo studio Legale Lieggi promoveva azione cautelare nella quale metteva in evidenza le criticità legate ad un trasferimento troppo lontano rispetto alla città in cui negli anni il Militare aveva posto la residenza. Il Tar riconosceva la necessità di discutere la questione nel più breve tempo possibile. Vista l’urgenza in cui si verteva, CONCEDEVA LA SOSPENSIONE DEI TERMINI OBBLIGATORI PER LA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO PRESSO LA CITTA’ DESIGNATA E FISSAVA UDIENZA ENTRO I 10 GIORNI.
Appare doveroso mettere in evidenza l’iniquità posta in essere dalla succitata circolare che arreca serio danno a chi ha vissuto la propria vita professionale in difesa dello Stato. Con questo provvedimento, si dimentica che i militari transitati, per la maggior parte in avanti con l’età, non possono affrontare l’onerosità e la gravosità di un così folle trasferimento. Altre a ciò appare opportuno evidenziare che l’integrazione della famiglia nel tessuto sociale cittadino e l’aiuto apportato dai parenti, sicuramente, complica il tutto. I Figli e il coniuge non vorranno lasciare la città di appartenenza.
Per info inviare messaggio vocale wa al 3494442639.
Se si vuole chiedere appuntamento (on line o in presenza) si scriva a legale@studioavvocatolieggi.com
... See MoreSee Less

22 Marzo,2024

IMPORTANTE PROCEDERE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO !!
condividi potrebbe aiutare qualcuno

Il Militare appartenente alla Marina Militare, chiedeva il transito nei ruoli civili a causa della inidoneità riscontrata per motivi psicologici. A causa degli effetti della circolare del 25 luglio 2023, gli veniva assegnata una sede a più di 500 km dall’ultima sede di servizio e dalla casa familiare. Lo studio Legale Lieggi promoveva azione cautelare nella quale metteva in evidenza le criticità legate ad un trasferimento troppo lontano rispetto alla città in cui negli anni il Militare aveva posto la residenza. Il Tar riconosceva la necessità di discutere la questione nel più breve tempo possibile. Vista l’urgenza in cui si verteva, CONCEDEVA LA SOSPENSIONE DEI TERMINI OBBLIGATORI PER LA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO PRESSO LA CITTA’ DESIGNATA E FISSAVA UDIENZA ENTRO I 10 GIORNI.
Appare doveroso mettere in evidenza l’iniquità posta in essere dalla succitata circolare che arreca serio danno a chi ha vissuto la propria vita professionale in difesa dello Stato. Con questo provvedimento, si dimentica che i militari transitati, per la maggior parte in avanti con l’età, non possono affrontare l’onerosità e la gravosità di un così folle trasferimento. Altre a ciò appare opportuno evidenziare che l’integrazione della famiglia nel tessuto sociale cittadino e l’aiuto apportato dai parenti, sicuramente, complica il tutto. I Figli e il coniuge non vorranno lasciare la città di appartenenza.
Per info inviare messaggio vocale wa al 3494442639.
Se si vuole chiedere appuntamento (on line o in presenza) si scriva a legale@studioavvocatolieggi.com
... See MoreSee Less

IMPORTANTE PROCEDERE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO !!
condividi potrebbe aiutare qualcuno

Il Militare appartenente alla Marina Militare, chiedeva il transito nei ruoli civili a causa della inidoneità riscontrata per motivi psicologici. A causa degli effetti della circolare del 25 luglio 2023, gli veniva assegnata una sede a più di 500 km dall’ultima sede di servizio e dalla casa familiare. Lo studio Legale Lieggi promoveva azione cautelare nella quale metteva in evidenza le criticità legate ad un trasferimento troppo lontano rispetto alla città in cui negli anni il Militare aveva posto la residenza. Il Tar riconosceva la necessità di discutere la questione nel più breve tempo possibile. Vista l’urgenza in cui si verteva, CONCEDEVA LA SOSPENSIONE DEI TERMINI OBBLIGATORI PER LA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO PRESSO LA CITTA’ DESIGNATA  E FISSAVA UDIENZA ENTRO I 10 GIORNI. 
Appare doveroso mettere in evidenza l’iniquità posta in essere dalla succitata circolare che arreca serio danno a chi ha vissuto la propria vita professionale in difesa dello Stato. Con questo provvedimento, si dimentica che i militari transitati, per la maggior parte in avanti con l’età, non possono affrontare l’onerosità e la gravosità di un così folle trasferimento. Altre a ciò appare opportuno evidenziare che l’integrazione della famiglia nel tessuto sociale cittadino e l’aiuto apportato dai parenti, sicuramente, complica il tutto. I Figli e il coniuge non vorranno lasciare la città di appartenenza.
Per info inviare messaggio vocale wa al 3494442639.
Se si vuole chiedere appuntamento (on line o in presenza) si scriva a legale@studioavvocatolieggi.com

21 Marzo,2024

🧑‍⚖️ Con la sentenza n. 44/2024, la Corte Costituzionale afferma che non è incostituzionale l'applicazione del contratto a tutele crescenti ai lavoratori già impiegati nelle piccole imprese, prevista dal Jobs Act.

❗️Viene così dichiarata non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 23, che consente l’attrazione nell’ambito applicativo del regime delle tutele crescenti anche di lavoratori di piccole imprese, già in servizio alla data del 7 marzo 2015, in concomitanza e in conseguenza di assunzioni aggiuntive a tempo indeterminato, successive all’entrata in vigore dello stesso decreto, che abbiano comportato il superamento dei limiti dimensionali previsti dall'art. 18, commi ottavo e nono, statuto dei lavoratori.

📄 La sentenza completa 👉 bit.ly/sentenza-corte-costituzionale-44-2024

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

21 Marzo,2024

🧑‍⚖️ È legittimo il licenziamento per giusta causa dei lavoratori che violano le procedure aziendali esponendo l’impresa a sanzioni. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6827/2024.

Il caso vedeva coinvolti due dipendenti accusati di aver caricato della merce su un mezzo aziendale in modo irregolare, in aperta violazione delle procedure interne. I due lavoratori avevano quindi fatto ricorso dopo i precedenti pronunciamenti, mettendo in dubbio la proporzionalità tra infrazione e sanzioni.

I giudici hanno però ribadito l’importanza del rispetto delle procedure aziendali e della corretta operazione di trasporto: eventuali violazioni che espongono l’azienda ad un concreto danno economico e a sanzioni amministrative possono giustificare il licenziamento per giusta causa.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-6827-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

17 Marzo,2024

🧑‍⚖️ In caso di domanda per l’accertamento della sussistenza di un rapporto di lavoro alle dipendenze dell’appaltante, i termini di decadenza trovano applicazione solo se l’utilizzatore abbia negato la titolarità del rapporto per iscritto: lo indica la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6266/2024.

Devono sussistere un atto o un provvedimento del datore/utilizzatore che renda operativo e certo il termine di decorrenza della decadenza, di cui all’art. 32, comma 4, lett. d della legge 183/20210.

Fino a quando il dipendente non ottiene in forma scritta un provvedimento o un atto equipollente che nega la titolarità del rapporto, non può decorrere alcun termine decadenziale.

📄 L'ordinanza completa 👉 bit.ly/ordinanza-corte-cassazione-6266-2024

📱 Segui la pagina LinkedIn di AGI 👉 bit.ly/pagina-agi-linkedin

🌐 La giurisprudenza delle Alte Corti sul sito di AGI 👇
bit.ly/sito-agi-sentenze-alte-corti
... See MoreSee Less

13 Marzo,2024

BLOG LEGALE
Se vuoi saperne di più...
Menu
HOME
CHI SONO
BLOG
legale@studioavvocatolieggi.com
080 558 4348
La richiesta ex art. 104/92 non può essere rigettata a fronte di ipotetici pregiudizi dell’amministrazione:
14.08.2023

Occorre premettere che l'art. 33 comma 5 della L. 104/1992 statuisce che il lavoratore che assiste persona con handicap in situazione di gravità "ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede".

Secondo i principi affermati dalla consolidata dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato:

Il trasferimento ex art. 33, comma 5, della legge n. 104 del 1992 coinvolge interessi legittimi e, di conseguenza, implica un complessivo bilanciamento fra l'interesse del privato e gli interessi pubblici, nell'esercizio del potere discrezionale da parte dell'amministrazione; ciò in considerazione del fatto che il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nell'interesse esclusivo dell'amministrazione ovvero del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dell'assistito l'inciso "ove possibile", contenuto nella predetta disposizione, comporta che, avuto riguardo alla qualifica rivestita dal pubblico dipendente, deve sussistere la disponibilità nella dotazione di organico della sede di destinazione del posto in ruolo per il proficuo utilizzo del dipendente che chiede il trasferimento, nel senso, cioè, che presso la sede richiesta, vi sia una collocazione compatibile con lo stato del militare, e che l'assegnazione possa, dunque, avvenire nel limite delle posizioni organiche previste per il ruolo e il grado, l'esercizio del potere discrezionale da parte dell'Amministrazione – e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento ex art. 33, comma 5 con le esigenze generali del servizio – deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, la quale deve risultare da una congrua motivazione; con la conseguenza che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su generiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico ovvero alle necessità di servizio da fronteggiare, ma devono risultare da una indicazione concreta di elementi ostativi, riferiti alla sede di servizio in atto, anche rispetto alla sede di servizio richiesta, e dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente, così come del resto del c.o.m..

Per consultazioni e pareri legali sui ricevuti addebiti disciplinari, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta 🙂

Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!
Inizia
... See MoreSee Less

BLOG LEGALE
Se vuoi saperne di più...
Menu
HOME
CHI SONO
BLOG
legale@studioavvocatolieggi.com
080 558 4348
La richiesta ex art. 104/92 non può essere rigettata a fronte di ipotetici pregiudizi dell’amministrazione:
14.08.2023

Occorre premettere che lart. 33 comma 5 della L. 104/1992 statuisce che il lavoratore che assiste persona con handicap in situazione di gravità ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede.

Secondo i principi affermati dalla consolidata dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato:

Il trasferimento ex art. 33, comma 5, della legge n. 104 del 1992 coinvolge interessi legittimi e, di conseguenza, implica un complessivo bilanciamento fra linteresse del privato e gli interessi pubblici, nellesercizio del potere discrezionale da parte dellamministrazione; ciò in considerazione del fatto che il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nellinteresse esclusivo dellamministrazione ovvero del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dellassistito linciso ove possibile, contenuto nella predetta disposizione, comporta che, avuto riguardo alla qualifica rivestita dal pubblico dipendente, deve sussistere la disponibilità nella dotazione di organico della sede di destinazione del posto in ruolo per il proficuo utilizzo del dipendente che chiede il trasferimento, nel senso, cioè, che presso la sede richiesta, vi sia una collocazione compatibile con lo stato del militare, e che lassegnazione possa, dunque, avvenire nel limite delle posizioni organiche previste per il ruolo e il grado, lesercizio del potere discrezionale da parte dellAmministrazione – e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento ex art. 33, comma 5 con le esigenze generali del servizio – deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, la quale deve risultare da una congrua motivazione; con la conseguenza che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su generiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico ovvero alle necessità di servizio da fronteggiare, ma devono risultare da una indicazione concreta di elementi ostativi, riferiti alla sede di servizio in atto, anche rispetto alla sede di servizio richiesta, e dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente, così come del resto del c.o.m..

Per consultazioni e pareri legali sui ricevuti addebiti disciplinari, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta :) 

Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!
Inizia

13 Marzo,2024

BLOG LEGALE
Se vuoi saperne di più...
Menu
HOME
CHI SONO
BLOG
legale@studioavvocatolieggi.com
080 558 4348
La richiesta ex art. 104/92 non può essere rigettata a fronte di ipotetici pregiudizi dell’amministrazione:
14.08.2023

Occorre premettere che l'art. 33 comma 5 della L. 104/1992 statuisce che il lavoratore che assiste persona con handicap in situazione di gravità "ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede".

Secondo i principi affermati dalla consolidata dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato:

Il trasferimento ex art. 33, comma 5, della legge n. 104 del 1992 coinvolge interessi legittimi e, di conseguenza, implica un complessivo bilanciamento fra l'interesse del privato e gli interessi pubblici, nell'esercizio del potere discrezionale da parte dell'amministrazione; ciò in considerazione del fatto che il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nell'interesse esclusivo dell'amministrazione ovvero del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dell'assistito l'inciso "ove possibile", contenuto nella predetta disposizione, comporta che, avuto riguardo alla qualifica rivestita dal pubblico dipendente, deve sussistere la disponibilità nella dotazione di organico della sede di destinazione del posto in ruolo per il proficuo utilizzo del dipendente che chiede il trasferimento, nel senso, cioè, che presso la sede richiesta, vi sia una collocazione compatibile con lo stato del militare, e che l'assegnazione possa, dunque, avvenire nel limite delle posizioni organiche previste per il ruolo e il grado, l'esercizio del potere discrezionale da parte dell'Amministrazione – e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento ex art. 33, comma 5 con le esigenze generali del servizio – deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, la quale deve risultare da una congrua motivazione; con la conseguenza che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su generiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico ovvero alle necessità di servizio da fronteggiare, ma devono risultare da una indicazione concreta di elementi ostativi, riferiti alla sede di servizio in atto, anche rispetto alla sede di servizio richiesta, e dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente, così come del resto del c.o.m..

Per consultazioni e pareri legali sui ricevuti addebiti disciplinari, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta 🙂

Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!
Inizia
... See MoreSee Less

BLOG LEGALE
Se vuoi saperne di più...
Menu
HOME
CHI SONO
BLOG
legale@studioavvocatolieggi.com
080 558 4348
La richiesta ex art. 104/92 non può essere rigettata a fronte di ipotetici pregiudizi dell’amministrazione:
14.08.2023

Occorre premettere che lart. 33 comma 5 della L. 104/1992 statuisce che il lavoratore che assiste persona con handicap in situazione di gravità ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede.

Secondo i principi affermati dalla consolidata dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato:

Il trasferimento ex art. 33, comma 5, della legge n. 104 del 1992 coinvolge interessi legittimi e, di conseguenza, implica un complessivo bilanciamento fra linteresse del privato e gli interessi pubblici, nellesercizio del potere discrezionale da parte dellamministrazione; ciò in considerazione del fatto che il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nellinteresse esclusivo dellamministrazione ovvero del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dellassistito linciso ove possibile, contenuto nella predetta disposizione, comporta che, avuto riguardo alla qualifica rivestita dal pubblico dipendente, deve sussistere la disponibilità nella dotazione di organico della sede di destinazione del posto in ruolo per il proficuo utilizzo del dipendente che chiede il trasferimento, nel senso, cioè, che presso la sede richiesta, vi sia una collocazione compatibile con lo stato del militare, e che lassegnazione possa, dunque, avvenire nel limite delle posizioni organiche previste per il ruolo e il grado, lesercizio del potere discrezionale da parte dellAmministrazione – e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento ex art. 33, comma 5 con le esigenze generali del servizio – deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, la quale deve risultare da una congrua motivazione; con la conseguenza che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su generiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico ovvero alle necessità di servizio da fronteggiare, ma devono risultare da una indicazione concreta di elementi ostativi, riferiti alla sede di servizio in atto, anche rispetto alla sede di servizio richiesta, e dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente, così come del resto del c.o.m..

Per consultazioni e pareri legali sui ricevuti addebiti disciplinari, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta :) 

Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!
Inizia

13 Marzo,2024

BLOG LEGALE
Se vuoi saperne di più...
Menu
HOME
CHI SONO
BLOG
legale@studioavvocatolieggi.com
080 558 4348
La richiesta ex art. 104/92 non può essere rigettata a fronte di ipotetici pregiudizi dell’amministrazione:
14.08.2023

Occorre premettere che l'art. 33 comma 5 della L. 104/1992 statuisce che il lavoratore che assiste persona con handicap in situazione di gravità "ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede".

Secondo i principi affermati dalla consolidata dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato:

Il trasferimento ex art. 33, comma 5, della legge n. 104 del 1992 coinvolge interessi legittimi e, di conseguenza, implica un complessivo bilanciamento fra l'interesse del privato e gli interessi pubblici, nell'esercizio del potere discrezionale da parte dell'amministrazione; ciò in considerazione del fatto che il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nell'interesse esclusivo dell'amministrazione ovvero del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dell'assistito l'inciso "ove possibile", contenuto nella predetta disposizione, comporta che, avuto riguardo alla qualifica rivestita dal pubblico dipendente, deve sussistere la disponibilità nella dotazione di organico della sede di destinazione del posto in ruolo per il proficuo utilizzo del dipendente che chiede il trasferimento, nel senso, cioè, che presso la sede richiesta, vi sia una collocazione compatibile con lo stato del militare, e che l'assegnazione possa, dunque, avvenire nel limite delle posizioni organiche previste per il ruolo e il grado, l'esercizio del potere discrezionale da parte dell'Amministrazione – e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento ex art. 33, comma 5 con le esigenze generali del servizio – deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, la quale deve risultare da una congrua motivazione; con la conseguenza che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su generiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico ovvero alle necessità di servizio da fronteggiare, ma devono risultare da una indicazione concreta di elementi ostativi, riferiti alla sede di servizio in atto, anche rispetto alla sede di servizio richiesta, e dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente, così come del resto del c.o.m..

Per consultazioni e pareri legali sui ricevuti addebiti disciplinari, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta 🙂

Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!
Inizia
... See MoreSee Less

BLOG LEGALE
Se vuoi saperne di più...
Menu
HOME
CHI SONO
BLOG
legale@studioavvocatolieggi.com
080 558 4348
La richiesta ex art. 104/92 non può essere rigettata a fronte di ipotetici pregiudizi dell’amministrazione:
14.08.2023

Occorre premettere che lart. 33 comma 5 della L. 104/1992 statuisce che il lavoratore che assiste persona con handicap in situazione di gravità ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede.

Secondo i principi affermati dalla consolidata dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato:

Il trasferimento ex art. 33, comma 5, della legge n. 104 del 1992 coinvolge interessi legittimi e, di conseguenza, implica un complessivo bilanciamento fra linteresse del privato e gli interessi pubblici, nellesercizio del potere discrezionale da parte dellamministrazione; ciò in considerazione del fatto che il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nellinteresse esclusivo dellamministrazione ovvero del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dellassistito linciso ove possibile, contenuto nella predetta disposizione, comporta che, avuto riguardo alla qualifica rivestita dal pubblico dipendente, deve sussistere la disponibilità nella dotazione di organico della sede di destinazione del posto in ruolo per il proficuo utilizzo del dipendente che chiede il trasferimento, nel senso, cioè, che presso la sede richiesta, vi sia una collocazione compatibile con lo stato del militare, e che lassegnazione possa, dunque, avvenire nel limite delle posizioni organiche previste per il ruolo e il grado, lesercizio del potere discrezionale da parte dellAmministrazione – e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento ex art. 33, comma 5 con le esigenze generali del servizio – deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, la quale deve risultare da una congrua motivazione; con la conseguenza che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su generiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico ovvero alle necessità di servizio da fronteggiare, ma devono risultare da una indicazione concreta di elementi ostativi, riferiti alla sede di servizio in atto, anche rispetto alla sede di servizio richiesta, e dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente, così come del resto del c.o.m..

Per consultazioni e pareri legali sui ricevuti addebiti disciplinari, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta :) 

Creato con Webnode Cookies
Crea il tuo sito web gratis!
Inizia

11 Marzo,2024

🧑‍💻 Dal 1° aprile lo smart working torna ad essere regolato da quanto previsto dalla legge n. 81/2017 e scade così la deroga prevista per i lavoratori fragili e per quelli con figli under 14, estesa fino al 31 marzo 2024.

Viene meno la possibilità di attivare il lavoro da remoto con modalità semplificate e sarà richiesto un accordo individuale tra il datore di lavoro e il singolo lavoratore che tenga conto di alcuni elementi.

L’accordo deve infatti riportare, per esempio:
▪ la durata dell’accordo (se a tempo determinato o indeterminato);
▪ l’alternanza dei periodi di attività all’interno e all’esterno della struttura aziendale;
▪ gli strumenti utilizzati, i tempi di riposo e le misure per garantire la disconnessione;
▪ l’attività formativa necessaria per lo svolgimento dell’attività in modalità da remoto.

📄 Le legge 81/2017 👉 bit.ly/legge-81-2017
... See MoreSee Less

10 Marzo,2024

PRESUNTE ANOMALIE CARDIACHE......ANCORA UNA VITTORIA PER LO STUDIO LIEGGI:
il TAR reintegra cautelarmente una corsista, dichiarata inidonea a causa di presunte anomalie cardiache.

Ad aprile di quest'anno la Direzione Generale
per il personale Militare del Ministero della Difesa pubblicava il bando di concorso per il reclutamento di VFP4 nell'Esercito, nella Marina Militare, compreso il corpo delle Capitanerie di Porto e nell'Aeronautica Militare, riservato ai volontari e ferma prefissata di un anno, a cui partecipava la ricorrente. Anche in questo concorso si richiedeva ai candidati di effettuare la visita con un medico specializzato in medicina dello sport e di produrre relativo certificato di idoneità all'attività sportiva agonistica. Dopo i vari esami previsti dal protocollo, tra cui l'elettrocardiogramma a seguito della prova da sforzo, alla ricorrente veniva rilasciato il certificato di idoneità all'attività sportiva agonistica con validità annuale. Dopo aver superato le prove a carattere culturale logico-deduttivo e professionale ed aver ottenuto l'idoneità agli accertamenti attitudinali, la ricorrente veniva convocata a visita medica per effettuare gli accertamenti psicofisici. La ricorrente era certa di poter superare tranquillamente tutti gli accertamenti psicofisici concorsuali perché qualche settimana prima si era sottoposta agli esami e risultava tutto perfettamente nella norma. Ed invece, sorprendentemente, con provvedimento veniva dichiarata inidonea al reclutamento per PR corto e QRS stretto codice 60 della DT 04/06/2014 con attribuzione per l'apparato cardiovascolare AC del coefficiente 4 del profilo somato funzionale. Le motivazioni di un PR corto e QRS stretto possono essere molteplici e questo la scienza medica lo sa benissimo, tale alterazione può essere data da uno stato di agitazione che non può essere considerato motivo di inidoneità, lo stato di agitazione non è un disvalore, ma è la spinta per una pronta reazione, punto di assoluta forza che il militare deve avere per rispondere prontamente all'imprevisto. Al contrario l’Amministrazione, che si costituiva in giudizio, asseriva che il militare non poteva, visto il suo status, provare degli stati emozionali che potevano essere registrati dagli apparecchi idonei. Si ribadisce che i militari prima ancora di essere tali sono uomini e donne portatori di emozioni, il fatto di provare un'emozione non li rende più deboli, anzi li rende più forti e pronti a superare gli imprevisti. A causa di questa falsa convinzione il militare rischiava di vedere svanito per sempre il suo sogno e cioè servire l’Esercito Italiano. In altre occasioni la medicina Militare si è espressa nel considerare che la presenza di un PR corto e un QRS stretto se non associato, come d'altronde asserito dalla direttiva tecnica, a gravi turbe del ritmo cardiaco non ha nessuna conseguenza di tipo funzionale. Dunque assolutamente inappropriato il giudizio di inidoneità. Questo, il TAR Lazio l'ha percepito perfettamente e ha permesso una reintegra fino alla verificazione che avverrà entro l'inizi dell'anno.
... See MoreSee Less

PRESUNTE ANOMALIE CARDIACHE......ANCORA UNA VITTORIA PER LO STUDIO LIEGGI: 
il TAR reintegra cautelarmente una corsista,  dichiarata inidonea a causa di presunte anomalie cardiache.

Ad aprile di questanno la Direzione Generale 
per il personale Militare del Ministero della Difesa pubblicava il bando di concorso per il reclutamento di VFP4 nellEsercito, nella Marina Militare, compreso il corpo delle Capitanerie di Porto e nellAeronautica Militare, riservato ai volontari e ferma prefissata di un anno, a cui partecipava la ricorrente. Anche in questo concorso si richiedeva ai candidati di effettuare la visita con un medico specializzato in medicina dello sport e di produrre relativo certificato di idoneità allattività sportiva agonistica. Dopo i vari esami previsti dal protocollo, tra cui lelettrocardiogramma a seguito della prova da sforzo, alla ricorrente veniva rilasciato il certificato di idoneità allattività sportiva agonistica con validità annuale. Dopo aver superato le prove a carattere culturale logico-deduttivo e professionale ed  aver ottenuto lidoneità agli accertamenti attitudinali, la ricorrente veniva convocata a visita medica per effettuare gli accertamenti psicofisici. La ricorrente era certa di poter superare tranquillamente tutti gli accertamenti psicofisici concorsuali perché qualche settimana prima si era sottoposta agli esami e risultava tutto perfettamente nella norma.  Ed invece, sorprendentemente, con provvedimento veniva dichiarata inidonea al reclutamento per PR corto e QRS stretto codice 60 della DT 04/06/2014 con attribuzione per lapparato cardiovascolare AC del coefficiente 4 del profilo somato funzionale. Le motivazioni di un PR corto e QRS stretto possono essere molteplici e questo la scienza medica lo sa benissimo, tale alterazione può essere data da uno stato di agitazione che non può essere considerato motivo di inidoneità, lo stato di agitazione non è un disvalore, ma è la spinta per una pronta reazione, punto di assoluta forza che il militare deve avere per rispondere prontamente allimprevisto. Al contrario l’Amministrazione, che si costituiva in giudizio, asseriva che il militare non poteva, visto il suo status, provare degli stati emozionali che  potevano essere registrati dagli apparecchi idonei. Si ribadisce che i militari prima ancora di essere tali sono uomini e donne  portatori di emozioni, il fatto di provare unemozione non li rende più deboli, anzi li rende più forti e pronti a superare gli imprevisti.  A causa di questa falsa convinzione il militare rischiava di vedere svanito per sempre il suo sogno e cioè servire l’Esercito Italiano. In altre occasioni la medicina Militare si è espressa nel considerare che la presenza di un PR corto e un QRS stretto se non associato, come daltronde asserito dalla direttiva tecnica, a gravi turbe del ritmo cardiaco non ha nessuna conseguenza di tipo funzionale. Dunque assolutamente inappropriato il giudizio di inidoneità. Questo, il TAR Lazio lha percepito perfettamente e ha permesso una reintegra fino alla verificazione che avverrà entro linizi dellanno.Image attachment

Comment on Facebook

Potrebbe essere inteso come un modus operadi per svecchiare le ffaa ed ffpp , facendo transitare il personale militare in quello civile (prendendone di nuovi e giovani). Peccato, però, che lo stipendio da civile si abbassa, la sede di servizio è spesso molto lontana e l'età pensionabile si alza...

10 Marzo,2024

Inidoneità cardiache ... See MoreSee Less

Inidoneità cardiacheImage attachment

10 Marzo,2024

Foto dal post di Studio Legale Lieggi ... See MoreSee Less

Image attachment

09 Marzo,2024

Vinta cautelare Impugnata una INIDONEITA' per Protusioni discaliINIDONEITA' E PROTUSIONI DISCALI - VINTA CAUTELARE
L’odierno ricorso trae origine da una triste vicenda che ha visto coinvolto il ricorrente, allievo/a del[] di appena 21 anni in servizio, che oggi corre il rischio di non poter proseguire la tanto desiderata carriera nelle forze armate.

Nello specifico il ricorrente, dopo aver vinto un primo concorso nel maggio 2021, lavorando proficuamente per due anni nella [] come VFP1, ed un secondo a maggio 2023 ne[] come VFP4, partecipava, vincendolo, al concorso indetto dal [] per il reclutamento di n. [] allievi []

Si tratta di un concorso certamente dispendioso a livello economico, dovendo sostenere i costi per raggiungere la sede delle prove ma, soprattutto, particolarmente arduo da superare, considerato il numero elevatissimo di partecipanti e le numerose fasi di selezione, tra cui la prova scritta preselettiva, gli accertamenti di idoneità attitudinale e, naturalmente, gli accertamenti di idoneità psico-fisica e le prove di efficienza fisica (salto in alto, corsa piana sui mille metri, corsa piana sui cento metri etc.).Inoltre, ai candidati è richiesto di effettuare la visita con un medico specializzato in medicina dello sport e di produrre il relativo certificato di idoneità all’attività sportiva agonistica, come avvenuto per il ricorrente. Ebbene, il ricorrente superava positivamente tutte le prove previste, compresi gli accertamenti di idoneità psico-fisica e le prove di efficienza fisica. Con Determinazione n. []del 2023, il ricorrente veniva quindi dichiarato vincitore e prendeva servizio presso la scuola allievi []

Senonché, nel mese di settembre di quest’anno, a causa di alcune semplicissime contratture muscolari, si recava presso l’infermeria presidiaria. Il medico dell’infermeria insisteva nel richiedere il referto di una risonanza magnetica lombare. L’allievo, essendo sprovvisto di esiti da risonanza magnetica lombare, per non disattendere l’ordine del superiore, presentava una risonanza di quasi due anni prima.

All’infermeria veniva fornito un referto medico del 2022, quindi precedente di quasi due anni, relativo ad una risonanza magnetica lombare cui si era sottoposta anni prima.

Nel referto erano state rilevate due “protrusioni discali in L3-L4 ed L4-L5. Canale vertebrale di ampiezza nei limiti. Nella norma il segnale del cono midollare”. Quindi agli inizi del 2022, le era stata diagnosticata una compressione dei dischi intervertebrali tra le vertebre L3-L4 ed L4-L5, sintomatologia comunissima nei soggetti di età adulta e certamente non in grado di causare limitazioni all’attività lavorativa, tant’è vero che non solo aveva conseguito l’idoneità fisica durante i vari concorsi sostenuti, compreso quello del 2023 per accedere al concorso, ma aveva anche superato brillantemente le prove di efficienza fisica.

L’infermeria presidiaria concludeva quindi con il seguente esito: “proposto alla commissione idoneo”, anche in considerazione che la contrattura muscolare accusata, nulla aveva a che vedere con la protusione lombare senza conseguenze funzionali. Successivamente, l’allievo veniva però convocata dalla Commissione medica di prima istanza presso il Dipartimento militare di medicina legale.

La Commissione non effettuava accertamenti strumentali ma solo una valutazione de visu, rilevandolo perfettamente nella norma.

Ciò nonostante, la Commissione medica faceva proprio il referto medico dei due anni precedenti e lo dichiarava inidoneo: “Assenza di segni radicolari in atto in pz con protrusioni discali in L3-L4, L4-L5, canale vertebrale di ampiezza nei limiti e segnale del cono midollare nella norma”.

La Commissione medica, quindi, anziché rilevare che il referto risaliva a quasi due anni prima e invece di chiedere al ricorrente di effettuare una nuova risonanza magnetica che accertasse l’attuale condizione clinica, sulla base del medesimo accertamento lo dichiarava non idonea al servizio.

Un modus operandi assurdo e certamente illegittimo anche in considerazione del fatto che l’organo medico ha anche applicato una direttiva tecnica totalmente inconferente, dichiarando l’inidoneità “per attribuzione del coefficiente 3 nella caratteristica LI del profilo sanitario, ai sensi del codice 220 della direttiva tecnica per delineare il profilo sanitario dei soggetti giudicati idonei al servizio militare di cui al decreto del Ministero della Difesa del 4 giugno 2014”. Tale direttiva non riguarda il concorso per cui il mio assistito ha partecipato e pur volendola considerare estensibile, comunque, la stessa indica le protrusioni quale causa di inidoneità soltanto “quando sono associate a segni clinici (o elettromiografici) di sofferenza radicolare”, circostanza esclusa dallo stesso organo medico nella motivazione del provvedimento!

L’Alllievo, successivamente effettuava nuova RM da cui emergeva: “lieve non significativa protrusione discale posteriore a livello di L4-L5. Non alterazioni di segnale del collo midollare”; “si conferma che il paziente…presenta minime protrusioni lombari senza implicazioni clinico-funzionali sulla vita sociale, lavorativa e sportiva anche di natura agonistica”.

Inoltre il ricorrente, si sottoponeva ad esame elettromioneurografico dal quale emergeva :“reperti elettrofisiologici studiati nella norma”, con ciò escludendo definitivamente qualsivoglia problematica o limitazione funzionale.Il perito di parte spiegava, nella relazione depositata in giudizio che: “la situazione dell’allievo era nella norma e che è molto frequente che, in età adolescenziale, si riscontrino delle protusioni che non comportano alcuna conseguenza di tipo funzionale.

Esaminati gli atti del giudizio, il giudice stabiliva il rientro dal servizio autorizzando l’allievo a sottoporsi all’ultima sessione d’esame in attesa della verificazione e del merito.!!!!!

Per consultazioni e pareri legali relative al diritto militare, inviate un messaggio vocale al 3494442639, oppure una e-mail a legale@studioavvocatolieggi.com, riceverete una pronta risposta .
... See MoreSee Less

Vinta cautelare Impugnata una INIDONEITA per Protusioni discali